Poesie, Racconti e Musica d’autore

"Scrivere poesie non è difficile; è difficile viverle." (Charles Bukowski)

Viviamo assieme una poesia, un racconto, una canzone o un quadro d'autore, lasciate un vostro commento ai post, per noi sarà un piacere leggervi.

Preghiamo gentilmente tutti quelli che postano il loro commento scegliendo l'opzione 'Anonimo' di blogger di firmarlo, grazie. ros e massimo

Translate

venerdì 26 dicembre 2014

Ho sognato un Natale di Stefano Monti

Buon Natale a tutti gli Amici del blog. ros e massimo




Mauro Biani





Ho sognato un natale diverso,
un giorno nuovo,
senza guerre,
senza fame senza ipocrisia,
un Natale privo di sofferenza dove l'amore vinca sull'odio
e la vita sulla morte
Un natale in cui gli adulti guardino il mondo
 con gli occhi stupiti dei loro figli
e con essi inventino la vita.

Ho sognato un natale così bello 
da essere solo un sogno
dal quale non vorrei più svegliarmi.

Purtroppo il mio natale non esiste
ma è bello illudersi anche solo 
per una notte che sia realtà.





(poesia tratta da 'PoesieRacconti')
(immagine tratta da 'La torre di Babele')

condividi il post su

giovedì 25 dicembre 2014

L'AMICO ED IO di Massimo Imperato









Le parole di un amico
assomigliano al silenzio.

Restano assopite
nel cuore delle intenzioni,
danzano mute 
tra i contorni
di totem gioiosi.

Le percepisci
prima dei vagiti
del neonato pensiero 
appena partorito.

Nessun vento 
ne allontana il senso
nessun ombra 
potrà oscurar l'intento.

Ogni amico è in me.

Son io con altro viso.



L'amicizia esiste anche se non hai contatto fisico con l'amico. E' come un indizio per capire chi siamo davvero in questo universo pieno di variabili, situazioni, sentimenti e pensieri. Quando trovi un amico è come se lo avessi creato da una tua costola. E' una parte di te che già esiste ma che non conoscevi. E' la possibilità di sperimentare cosa significa fare agli altri ciò che vorresti sia fatto a te. E' l'esperienza che ti mostra l'unità verso cui siamo diretti per scoprire che tutta la creazione è un unico organismo. L'Uno a cui tendiamo. L'Universo. In ogni amico è racchiuso l'Universo.





condividi il messaggio su

martedì 23 dicembre 2014

Dalla parte sbagliata di Rosalba Di Gregorio e Dina Lauricella

Ancora oggi,  dopo più di  vent’anni, non conosciamo la verità sulla strage di via D’Amelio, dove morirono il giudice Borsellino e la sua scorta e questo deve spingere tutti noi a chiederla questa verità perchè come disse Gesù di Nazaret: 'conoscerete la verità e la verità vi farà liberi '.

Il libro è edito da Castelvecchi ed ha ricevuto diversi premi e recensioni positive dalla critica. Buona lettura a tutti.







Video di presentazione del libro alla libreria Feltrinelli di Roma realizzato da Rete cento passi



Video tratto da Il Fatto Quotidiano














condividi il messaggio su

Condividi

domenica 21 dicembre 2014

NOTTE SENZA FINE di Paola Maria Leonardi


La trasfigurazione di Cristo-L'ultima cena - Tela di Stefania Fabrizi


Notte senza fine

Ebbri dal nostro stesso oblio,
attendiamo fiduciosi
l'arrivo del Santo Natale.
Quando la pioggia cade
l'anima si arrende
e le pieghe del cuore
solcate dalla sofferenza,
ritrovano una luce di speranza
nell'incanto della Festa.
Si avverte con forza,
la potenza dell'imprevisto arcano
il distacco dalla vita di sempre,
si accorcia
nell'attesa della magica notte.
E' una Festa d'Amore,
d'incantata speranza
forse una certezza.
Ogni anno anno si svela a noi
il Mistero del Divino,
e i nostri sentimenti umani
impallidiscono
di fronte all'immensità
dello Spirito Santo.
Svanirà il pianto nascosto,
i sensi di colpa,
la sfiducia nell'amore,
e il profumo della magia
asciugherà le lacrime versate
dal cinismo del mondo.
E' tempo di ritrovarsi
di tornare sulla giusta via,
E' una notte senza fine,questa
e nel contempo
l'inizio del Tutto.


Paola Maria Leonardi@all rights reserved by the author 2014


Breve excursus su di me e sulla poesia che presento._
Paola Maria Leonardi vive e lavora a Roma con la sua Famiglia. Da anni dedica il suo tempo e le sue energie alla Poesia, nella consapevolezza di cimentarsi in un settore delicatissimo e difficile.
E' l'amore per la scrittura e la necessità di misurarsi con qualcosa più grande di lei, che la stimola a continuare, per il piacere gratificante di farlo.
La Poesia, scritta con sentimento, è la risposta a tutti coloro che non "sentono " più il Natale come ricorrenza del Genetliaco di Gesù Cristo.
L'allontanamento dalla spiritualità, essendo il male più grande della società moderna e tecnologica, vorrebbe ridurre l'essere umano ad un essere alieno, non come figlio di Dio, in prova su questa Terra, piena d'insidie e di sofferenze.
E' un canto di Natale, e si spera che arrivi a tutte quelle anime che hanno voglia di ritrovarsi e di fortificarsi per meglio vivere ogni giorno di questa prova terrena.
PML




condividi il post su

lunedì 8 dicembre 2014

E la carezza si perde di Grazia Finocchiaro






Cuore piegato da un amore
dal tempo consunto
di emozioni
adesso spogliato.

La parola non va più a segno
memoria il tenero gesto,
il corpo
di effusioni profuse
nel tempo candido,
non suscita alcun sentire
come udito non percepisce boato.

Anime, lungo il viale, isolate,
i battiti ogni cuore sigilla,
l’attempato sentimento
si disperde.

E’ solo aspra parola
lontano
va a smarrirsi la carezza
invano attesa.



Un lui e una lei, non più tanto giovani, che camminano distanti l'uno dall'altra senza scambiarsi una parola, dando l'impressione di aver dimenticato che avrebbero potuto anche donarsi una carezza per far sì che l'emozione li avvicinasse...

E' stata un'immagine che mi ha toccato profondamente  così da sentire il bisogno di esprimere il mio stato d'animo in parole. (G. Finocchiaro)





condividi il post su

domenica 7 dicembre 2014

NUN PO' CAGNA' di Bruno Zapparrata


Ogge songh'io ca guardo 'a miez'e scale
sta piazza ca m'ha visto piccerillo,
so' llacreme ca scenneno e fa' male
sulo 'o ricordo 'e quanno ero nennillo...
Palazze e mmura, sfravecate e antiche
ca nun se po' capì qual'è 'o culore,
'e prete, a' una a' una me so' amiche,
pare ca sanno leggere 'o dulore....
Ricorde 'e casa mia, Muntecalvario,
'e scale, a cchiesia, 'a primma cummunione,
suone 'e campane ca pe dint''a ll'aria,
ntrecciavono cu 'e sciure 'e nu balcone....
Canto 'e mille suspire e d''e culure
ca tignevano 'a vita 'e nu guaglione...
'O tiempo manna arreto ogni buscia,
e quanno tire 'e cunte, nun te truove,
t'astregne forte na malincunia,
'o core sbatte e dinto tene 'e chiuove....
E vularria acchiappà suonne perdute,
suonne vulate e nun turnate cchiù,
povero core mio, tutto è fernuto,
tiene vint'anne senza 'a giuventù....
Vola palomma, vola, int''a sta via,
trova 'o surriso mio ca se n'è ghiuto,
portame ll'uocchie 'e ll'urdema Maria,
ca si 'e guardavo...erano 'e velluto.
Puortame tutt''e suonne a' uno a' uno,
'e voglio guardà nfaccia pe straccià,
pure si'o core chiagne , so' nisciuno,
comme a sta vita ca nun po' cagnà...


Bruno Zapparrata

Copyright riservato all'autore


12 gennaio 2013

Questa poesia non ha bisogno penso di ulteriore commento...è un reale spaccato di vita per il quale ogni altra parola risulterebbe essere superflua..Vita intensa ma non sempre appagante...Gli stessi sentimenti, gli stessi pensieri, le stesse emozioni le abbiamo provate, anche se per luoghi e vie diverse, un poco tutti, e forse tanti si ritroveranno nello spirito dello scritto. 
Grazie a tutti. A Rosalba, a Massimo, che mi hanno regalato la gioia di rivedere in vita un blog che per anni è stato a dir poco meraviglioso.


NON PUO' CAMBIARE di Bruno Zapparrata
Traduzione letterale e non poetica della poesia dello stesso autore NUN PO' CAGNA'

Oggi sono io, che guardo dalle antiche scale
la piazza che mi ha visto piccolino,
sono lacrime che scendono e fa male
solo il ricordo di quando ero un bambino.
Palazzi e mura sfabbricati , antiche
che non lasciano capire quale è il loro colore,
le pietre ad una ad una mi sono amiche,
sembra che sanno leggere il dolore..
Ricordi di casa mia, Montecalvario,
le scale, la chiesa, la prima comunione,
suoni di campane che attraverso l'aria,
si intrecciavano con i fiori di un balcone.
Canto di mille sospiri e di colori,
che tingevano la vita di un adolescente.
Il tempo manda indietro ogni bugia,
e quando tiri la somma, non ti trovi,
ti stringe forte una malinconia,
il cuore sbatte e dentro sente i chiodi...
E vorrei afferrare i sogni perduti,
sogni volati e non tornati più,
povero cuore mio, tutto è finito,
tieni vent'anni e non la gioventù!
Vola farfalla, vola per questa via,
trova il sorriso mio che se n'è andato,
portami gli occhi dell'ultima Maria,
che se li guardavo erano di velluto.
portami tutti i sogni, ad uno ad uno,
li voglio guardare in faccia per stracciarli,
anche se il cuore piange sono nessuno,
come questa vita che non può cambiare!

Bruno Zapparrata.





condividi il post su

sabato 6 dicembre 2014

Rieccoci amici dell'Oasi di ros e massimo

Rieccoci amici dell’Oasi, buongiorno a tutti gli autori che in questi anni ci hanno accompagnati e a tutti quelli che ne vorranno far parte.

Questo non vuole essere una riapertura del blog bensì una continuazione di quello che avevamo interrotto io e Massimo circa 2 anni fa.

Che dirvi, numerose volte ci è stato chiesto di tornare ad animare questa Oasi ma per motivi di impegni personali e di gestione non abbiamo mai potuto riprendere le pubblicazioni. 

Quello che io ho sempre notato e penso anche Massimo è stato il fatto che il blog, nonostante le mancate pubblicazioni settimanali, ricevesse comunque tante visite. Questo per me era motivo di orgoglio e penso lo sia stato anche per Massimo e tutti gli autori presenti.

E adesso parliamo di cose pratiche, per fare in modo che il blog funzioni e venga rispettata la cronologia delle poesie in arrivo per essere pubblicate, dobbiamo darci delle piccole ma indispensabili regole:

Le pubblicazioni delle vostre poesie, dei vostri racconti o della vostra musica avranno cadenza settimanale, in genere la Domenica mattina.

La vostra opera che dovrà essere pubblicata dovrà giungere a noi tramite e-mail  ai seguenti indirizzi:


massimoimperato@msn.com

oppure tramite un messaggio sulla nostra pagina fb


Solo per quanto concerne la poesia:

poichè tutti i fruitori di questo blog non sono autori di poesie o sono neofiti, noi dobbiamo dare a loro possibilità di leggere e capire cosa l’autore vuole comunicarci con la sua opera, per questa ragione ogni poesia ‘dovrà’ essere corredata da un  piccolo commento fatto dall’autore stesso.
Per lo stesso motivo se le opere sono scritte in dialetto dovranno essere corredate da una traduzione letterale autorizzata dall’autore stesso.

Noi amiamo questa ‘Oasi‘ e faremo di tutto per far si che continui ad essere apprezzata da tutti ma ricordatevi che il merito maggiore sarà vostro, sarete voi i protagonisti e quindi per incentivare la lettura delle vostre opere dovrete coinvolgere più amici possibili, perché:

‘Scrivere poesie non è difficile, è difficile viverle’ (Bukowski)

Vi aspettiamo, grazie a tutti. ros e massimo


condividi il post su

Disclaimer

A questo blog non può essere applicato l'art. 5 della legge 8 Febbraio 1948 n. 47, poiché l'aggiornamento delle notizie in esso contenute non ha periodicità regolare (art. 1 comma 3, legge 7 Marzo 2001 n. 62). Esso é un prodotto amatoriale e non rappresenta una testata giornalistica , i post editi hanno lo scopo di stimolare la discussione e l’approfondimento politico, la critica e la libertà di espressione del pensiero, nei modi e nei termini consentiti dalla legislazione vigente. Tutto il materiale pubblicato su Internet è di dominio pubblico. Tuttavia, se qualcuno riconoscesse proprio materiale con copyright e non volesse vederlo pubblicato su questo blog, non ha che da darne avviso al gestore e sarà immediatamente eliminato. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi a me, nemmeno se gli stessi vengono espressi in forma anonima o criptata.