Poesie, Racconti e Musica d’autore

"Scrivere poesie non è difficile; è difficile viverle." (Charles Bukowski)

Viviamo assieme una poesia, un racconto, una canzone o un quadro d'autore, lasciate un vostro commento ai post, per noi sarà un piacere leggervi.

Preghiamo gentilmente tutti quelli che postano il loro commento scegliendo l'opzione 'Anonimo' di blogger di firmarlo, grazie. ros e massimo

Translate

mercoledì 20 giugno 2018

Casa di Warsan Shire



Casa

Andatevene a casa neri
rifugiati
sporchi immigrati
richiedenti asilo
che prosciugano il nostro paese
negri con le mani aperte
hanno un odore strano
selvaggio
hanno distrutto il loro paese e ora vogliono
distruggere il nostro
Le parole
gli sguardi storti
come fai a scrollarteli di dosso?
Forse perché il colpo è meno duro
che un arto divelto
o le parole sono più tenere
che quattordici uomini tra
le cosce
o gli insulti sono più facili
da mandare giù
che le macerie
che le ossa
che il corpo di tuo figlio
fatto a pezzi.
A casa ci voglio tornare,
ma casa mia sono le mandibole di uno squalo
casa mia è la canna di un fucile
e a nessuno verrebbe di lasciare la propria casa
a meno che non sia stata lei a inseguirti fino all’ultima sponda
A meno che casa tua non ti abbia detto
affretta il passo
lasciati i panni dietro
striscia nel deserto
sguazza negli oceani
annega
salvati
fatti fame
chiedi l’elemosina
dimentica la tua dignità
la tua sopravvivenza è più importante
Nessuno lascia casa sua se non quando essa diventa una voce sudaticcia
Che ti mormora nell’orecchio
Vattene,
scappatene da me adesso
non so cosa io sia diventata
ma so che qualsiasi altro posto
è più sicuro che qui.




Warsan Shire è una poetessa britannica di origine somala, nata in Kenia nel 1988.  I suoi libri e le sue poesie hanno ricevuto prestigiosi riconoscimenti internazionali e sono diventati stendardi in difesa dei diritti degli immigrati. Warsan Shire parla di immigrazione da immigrata e da sempre nelle interviste esprime la volontà di dare voce a chi voce non ha, a chi viene imbavagliato da una retorica razzista che vuole dividere gli esseri umani per appagare la divorante fame di consensi popolari e potere.(Lo sbuffo)



                                                                                   Giorgio Crisafi




condividi il post su

domenica 17 giugno 2018

Chiamami sottovoce di Nicoletta Borlolotti






"Una scatole di Caran d'Ache…. Perché mi hai fatto questo regalo? Perché oggi è il tuo compleanno. Non me lo ricordavo, è vero oggi compio nove anni. (….) 
Dopo che è scesa il muro ha cominciato a parlarmi, voleva che disegnassi sopra qualcosa perché era tutto bianco e il bianco non era un colore per nulla divertente. Disegnami, dai, disegnami sopra, sono stufo di essere bianco. Mi aveva fatto fare una brutta cosa Delia si sarebbe arrabbiata? Mi avrebbe picchiato? Sarebbe diventata la strega vecchia e arcigna che pensavo fosse all’inizio? (……) Avrebbe chiamato la polizia? Ho preso la gomma e ho iniziato a cancellare. Peggio. Il colore si spandeva sull’intonaco in chiazze irregolari. 
Delia. Mi scappa…. posso scendere? ‘Vieni giù alla svelta!`Ho sentito i suoi passi avvicinarsi e poi ho visto la botola aprirsi (….) `Però…un arcobaleno!! Forse è quello che ci voleva…ahahah….ci voleva proprio. Un arcobaleno! `

La mamma mi si è avvicinata sfiorandomi il bordo di un orecchio con il fiato. `Mi raccomando Michele, ricordati le regole. Nessuno deve sapere che sei qui. Nessuno, capito? Se non fai il bravo viene a prenderti il poliziotto.`




Michele e Nicole, i protagonisti di questo libro, sono due bambini che vivono due vite diverse. Michele è un bambino proibito, un clandestino, entrato in Svizzera stretto in mezzo alle valigie, dentro un bagagliaio di una Fiat 131, Nicole è una bambina che vive ad Airolo, nella Maison des roses, una casa adiacente alla soffitta dove vive rinchiuso Michele.
Il racconto, edito da Harper Collins, ha catturato il mio interesse perchè affronta un argomento fino a poco tempo fa e forse ancora oggi sconosciuto a molti: i bambini invisibili. Quei bambini che, a seguito di genitori con permessi stagionali, entravano in Svizzera. Il fenomeno che si è sviluppato a partire dagli anni 60 è emerso solo alla metà degli anni 90, quando è cambiata la legge. ros

Il racconto, edito da Harper Collins, ha catturato il mio interesse perchè affronta un argomento fino a poco tempo fa e forse ancora oggi sconosciuto a molti: i bambini invisibili. Quei bambini che, a seguito di genitori con permessi stagionali, entravano in Svizzera. Il fenomeno che si è sviluppato a partire dagli anni 60 è emerso solo alla metà degli anni 90, quando è cambiata la legge.

NOTA: `Fino al 1996 la legge elvetica, infatti, non permetteva agli stranieri che avevano un permesso di soggiorno stagionale di portare con sé i loro piccoli. I genitori li facevano entrare clandestinamente in Svizzera ma poi erano costretti a nasconderli in casa: centinaia di bambini italiani hanno trascorso la loro infanzia senza vedere la luce del sole, senza frequentare le scuole. Hanno vissuto come Anna Frank, con la paura che da un momento all’altro li avrebbero denunciati e allontanati per sempre dalla loro famiglia. L’alternativa era mandarli in questi orfanotrofi.’Redazione Sociale




condividi il post su

martedì 21 marzo 2017

Le prove della vita di Gemma Barzaghi




                                            Esplosioni floreali di Vincenzo Manca



Le prove della vita


Se lungo il cammino della tua vita dovessi cadere, 

rialzati e ricomincia

se tutto ti va storto e il buio ti assale, 


rasserenati e ricomincia,

Non lasciare che il tuo cuore diventi arido,


ricomincia ad amare.


Non aver paura, lascia che l’amore scorra ancora nelle vene


come il fiume verso il mare,


come un gabbiano che stende le ali e si lascia trasportare dalle correnti.


Non temere di essere ancora ferita,


le tue ferite si rimargineranno al calore di un nuovo amore.


Ricomincia, come la natura,


che muore in inverno per poi ridestarsi a primavera,


ridestati, non farti irritare dalle strade accidentate,


ma assapora lentamente il tuo viaggio


e ricomincia a vivere una nuova vita.


ricomincia,

Non lasciare che il tuo cuore diventi arido,


ricomincia ad amare.


Non aver paura, lascia che l’amore scorra ancora nelle vene


come il fiume verso il mare,


come un gabbiano che stende le ali e si lascia trasportare dalle correnti.


Non temere di essere ancora ferita,


le tue ferite si rimargineranno al calore di un nuovo amore.


Ricomincia, come la natura,


che muore in inverno per poi ridestarsi a primavera,


ridestati, non farti irritare dalle strade accidentate,


ma assapora lentamente il tuo viaggio


e ricomincia a vivere una nuova vita.








condividi il post su

sabato 24 dicembre 2016

NATALE di Bruno Zapparrata

Buon Natale a tutti gli Amici del blog. ros e Massimo.

(Presepio napoletano della Reggia di Caserta)










NATALE


Nu suono 'e zampogne saglieva d''e vvie,
spannenno pe ll'aria 'o sapore 'e nnucenza,
'a nonna metteve ddoie pigne ò vrasiere,
vulava p''a casa l'addore d''o ncienzo...
Suvero 'e legno, 'o nonno nchiuvava,
rocce, sagliute, 'a grotta, na scesa,
cu quanta pacienza 'a colla squagliava
pe farce 'o Presebbio: Quant'angele appise...
E nuje piccerille aspettavemo 'a festa,
che doce 'a nuvena vicino 'o camino...
nuvena 'e nu tiempo, sparute so' 'e suone,
che malincunia, so' mute 'e zampogne...
'E ccase so' fredde, ce manca 'o calore,
sta sempe appicciato nu televisore,
nzerrate int''e stanze, ognuno va' 'e pressa,
stracciato 'o ricordo d''a tombola e 'a Messa...
..............
Campana a ffesta, nasce 'o bammimo,
luce na stella, Natale addo' sta'...
vola penziero, cammina, cammina...
tuorne cu 'e suonne a tant'anne fa...


Questa è una lirica cosi' semplice che si spiega da se, pero' se vogliamo addentrarci in qualche considerazione allora c'è da scrivere.
Per chi come me ha visto la guerra subendola, sa' cosa era il Natale di una volta con le sue strette tradizioni tra il sacro edil profani, infatto le dominazioni spagnole di pagano ci hanno lasciato ancora un forte retaggio che con il sacro non ha nulla a che vedere, comunque la tradizione del presepe napoletano è unica nel mondo ed il più bello opera di grandissimi maestri è conservato nel museo di San Martino sulla Collina Vomerese e si tratta del Presepe napoletano, avente nel sacro anche tutti i mestieri dell'epoca raffigurati nelle varie esposizioni.Natale lo si aspettava per quell'atmosfera che vedeva riuniti una volta all'anno tutti i familiari e quando qualcuno mancava per altri impegni era tremendo e i piccoli vivevano questa atmosfera, davanti al braciere, davanti al camino, dove c'era sempre una pigna che ardeva profumando tutto l'ambiente d'incenso ed in genere, la sera della Vigilia si usava la cena del Cavalcanti, con molte portate ma semplicissima ma che divertiva e teneva legati tutti alla tavola aspettando la mezzanotte semmai giocando a tombola. Al riconrdo di queste cose semplici viene spontaneo il termine di paragone dell'era moderna dove tanti valori non esistono più ed il cinismo ha preso il sopravvento. Natale esiste ancora ma ha perso quella sacralità di una volta, sembra che sia una "routine" dell'anno e nulla più, e solo corsa ai regali ed al consumismo.
Cio' che ho detto in questa breve presentazione è detto in pochissimi versi nella lirica che apre il Blog e vado a postarvi la ricetta del Cavalcanti che i napoletani usavano preparare per la vigilia di Natale. Grazie a tutti coloro che interverranno. Grazie a Rosalba e Massimo, Bruno Zapparrata.




domenica 19 aprile 2015

MI MANCHI... di Anna Giordano

RICCARDO VERDE - Riva fiorita a Posillipo


A te che mi seducevi con sorrisi crespi di solitudine nel vespro.
A te che mi riempivi delle profondità dei tuoi abissi.
A te che conducevi lo sguardo mio nell’immensità della tua luce;
dedico questo scritto, per non dimenticarti,
ora che vivo lontana dal tuo sguardo azzurro.
Mi manca la tua luce che cerco di barattare col blu del cielo
e il verde dei campi...
Dio come sei bello, mare!
Come sei perfetto nonostante le tue rughe,
e le fossette porose disegnate dal vento;
il destino delle tue onde
si arresta ai piedi delle rocce.
Gabbiani dominatori,
sulle sommità delle colline in pietra,
adottano gli atteggiamenti di un pensatore africano.
Mi piacerebbe viaggiare nella loro anima,
per vivere anche soltanto un attimo,
il loro sguardo su di te.
Pescatori in cerca di solitudine,
assaporano la tua tranquillità
seduti sui tuoi marciapiedi,
tappeti di mosaici rocciosi…
Amo quei marciapiedi che perpendicolari si slanciano verso il tuo infinito.
Mare, sei il solo viso che conosco,
la cui bellezza pare eterna,
che piova, faccia bello,
soffi il vento o l’aria non respiri,
sei sempre là,
vestito d’espressioni diverse
ed infinitamente seducente…
Che tu gioisca o no dei raggi solari o lunari,
lo sguardo tuo resta,
terribilmente luminoso d’emozioni.
Incantata dai tuoi movimenti,
a ogni istante le tue onde si spingono nel mio profondo,
ne sento l’odore ed il rumore e l’eco dei tuoi passi,
come musica inedita,
vestiti di grazia in me si ripetono,
regalandomi l’eleganza di una danza, 
di cui lo stile dimora indefinito.


Breve commento del poeta:
Sono molto affezionata a questa poesia, la scrissi un po' di tempo fa, in seguito al trasferimento in una zona di montagna. Ne soffrii tantissimo e in questa poesia riposi tutto l'amore che nutrivo e nutro per il mare, quasi a volermi scusare con lui per averlo abbandonato...





condividi il post su

domenica 12 aprile 2015

Il calore e la paura di Anna Bonarrigo


Dipinto di Alfonso Restivo


 Chi sei?

forse ti chiami destino?
sei la luce che s'infiltra nelle mie lenzuola
la giovinezza ridesta ogni mattino
la follia che ho seppellito,
Sei l'alchimia che non si consuma
quel calore che mi sveste,
la paura che mi copre.
Taci !
lascia che il silenzio sia peccato,
mi lascerò cadere nelle tue braccia,
berrò la tua dolcezza
mescendo la mia passione.
Sono ghiaccio rovente
sulla tua schiena nuda
e onde improvvise nelle tue sere solitarie.
Chiamarmi perdizione
e non dirmi mai il tuo nome.

Nel suo genere, che è quello erotico, questa lirica è un congegno perfetto, un sogno inebriante è solipsistico, dove la poetessa identifica l'amato con il suo ideale d'amore e lo esalta attribuendogli le qualità gloriosa dell'onnipotenza:la luce, la giovinezza, l'immortalità("Sei l'alchimia che non si consuma") e infine la forza che scalda e distrugge. Divisa in due strofe, entrambe imperiose, la prima aperta da due interrogazioni rese retoriche dalle immediate risposte e la seconda imperativa e propositiva, auspica e prospetta l'archetipo del maschio guerriero e predatorio, dominante e tutorale. Il nono verso è un piccolo gioiello di misteriosa sensualità :"Lascia che il silenzio sia peccato", e il lungo verso conclusivo, enfatico e struggente, invoca l'assenza di ogni identità ("Chiamami perdizione e non dirmi mai il tuo nome") a tutela dell'integrità dei sensi. (Luciano Domenighini)




condividi il post su

lunedì 6 aprile 2015

HO DIPINTO LA PACE di T. Sorek

Buongiorno a tutti gli Amici di questa 'OASI DI PACE'




Ho Dipinto la Pace

Avevo una scatola di colori
brillanti, decisi, vivi.
Avevo una scatola di colori,
alcuni caldi, altri molto freddi.
Non avevo il rosso
per il sangue dei feriti.
Non avevo il nero
per il pianto degli orfani.
Non avevo il bianco
per le mani e il volto dei morti.
Non avevo il giallo
per la sabbia ardente,
ma avevo l'arancio
per la gioia della vita,
e il verde per i germogli e i nidi,
e il celeste dei chiari cieli splendenti,
e il rosa per i sogni e il riposo.
Mi sono seduta e ho dipinto la pace.


Ieri mattina Massimo ha pubblicato un bellissimo post con una poesia di Gabriele D'Annunzio intitolata 'Resurrezione'(clicca per leggerla), i primi versi erano:

'Suono di campane
voce che trasvola il mondo...'

Ecco, il mio più grande desiderio sarebbe che questa voce arrivasse al cuore di tutta le gente del mondo (soprattutto a quello dei potenti) e li incoraggiasse ad una resurrezione di pace.

Laddove non c'è Pace non c'è Resurrezione e, aldilà di ogni retorica, solo il dialogo può far risorgere tutti in un mondo migliore.


Ringrazio di cuore Rosalba Falzone e invito tutti a cliccare sul il link posto sotto il quadro per vederlo intero. 





condividi il post su

domenica 5 aprile 2015

RISURREZIONE - Gabriele D'Annunzio



La Resurrezione di Cristo è un dipinto a olio su tavola (52x44 cm) di Raffaello Sanzio, databile al 1501-1502 circa e conservato nel Museo d'Arte di San Paolo, in Brasile.


Suono di campane,
voce che trasvola sul mondo,
canto che piove dal cielo sulla terra,
nella città sorda e irrequieta,
e nel silenzio dei colli
ove, nel pallore argenteo,
le bacche d'olivo maturano il dono di pace.
Suono che viene a te,
quale alleluia pasquale,
a offrirti la gioia di ogni primavera,
a chiamarti alla rinascita;
a dirti che la terra rifiorisce
se il tuo cuore si aprirà come un boccio,
che ripete un gesto d'amore e di speranza,
levando il mite ramoscello
in questa chiara alba di Risurrezione!



Il grande Gabriele D’ Annunzio, nella sua poesia “Gioia della Resurrezione” vuole spiegarci che il giorno di Pasqua è un giorno importante e felice per i cristiani. Il dolce e allegro suono delle campane arriva ovunque: nelle città frenetiche e piene di problemi e di rumori e nelle tranquille campagne. Questo suono arriva a noi per farci rinascere dal peccato, per farci offrire e accogliere gesti di amore, di speranza e di pace. 




condividi il post su

Disclaimer

A questo blog non può essere applicato l'art. 5 della legge 8 Febbraio 1948 n. 47, poiché l'aggiornamento delle notizie in esso contenute non ha periodicità regolare (art. 1 comma 3, legge 7 Marzo 2001 n. 62). Esso é un prodotto amatoriale e non rappresenta una testata giornalistica , i post editi hanno lo scopo di stimolare la discussione e l’approfondimento politico, la critica e la libertà di espressione del pensiero, nei modi e nei termini consentiti dalla legislazione vigente. Tutto il materiale pubblicato su Internet è di dominio pubblico. Tuttavia, se qualcuno riconoscesse proprio materiale con copyright e non volesse vederlo pubblicato su questo blog, non ha che da darne avviso al gestore e sarà immediatamente eliminato. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi a me, nemmeno se gli stessi vengono espressi in forma anonima o criptata.