Poesie, Racconti e Musica d’autore

"Scrivere poesie non è difficile; è difficile viverle." (Charles Bukowski)

Viviamo assieme una poesia, un racconto, una canzone o un quadro d'autore, lasciate un vostro commento ai post, per noi sarà un piacere leggervi.

Preghiamo gentilmente tutti quelli che postano il loro commento scegliendo l'opzione 'Anonimo' di blogger di firmarlo, grazie. ros e massimo

Translate

domenica 19 aprile 2015

MI MANCHI... di Anna Giordano

RICCARDO VERDE - Riva fiorita a Posillipo


A te che mi seducevi con sorrisi crespi di solitudine nel vespro.
A te che mi riempivi delle profondità dei tuoi abissi.
A te che conducevi lo sguardo mio nell’immensità della tua luce;
dedico questo scritto, per non dimenticarti,
ora che vivo lontana dal tuo sguardo azzurro.
Mi manca la tua luce che cerco di barattare col blu del cielo
e il verde dei campi...
Dio come sei bello, mare!
Come sei perfetto nonostante le tue rughe,
e le fossette porose disegnate dal vento;
il destino delle tue onde
si arresta ai piedi delle rocce.
Gabbiani dominatori,
sulle sommità delle colline in pietra,
adottano gli atteggiamenti di un pensatore africano.
Mi piacerebbe viaggiare nella loro anima,
per vivere anche soltanto un attimo,
il loro sguardo su di te.
Pescatori in cerca di solitudine,
assaporano la tua tranquillità
seduti sui tuoi marciapiedi,
tappeti di mosaici rocciosi…
Amo quei marciapiedi che perpendicolari si slanciano verso il tuo infinito.
Mare, sei il solo viso che conosco,
la cui bellezza pare eterna,
che piova, faccia bello,
soffi il vento o l’aria non respiri,
sei sempre là,
vestito d’espressioni diverse
ed infinitamente seducente…
Che tu gioisca o no dei raggi solari o lunari,
lo sguardo tuo resta,
terribilmente luminoso d’emozioni.
Incantata dai tuoi movimenti,
a ogni istante le tue onde si spingono nel mio profondo,
ne sento l’odore ed il rumore e l’eco dei tuoi passi,
come musica inedita,
vestiti di grazia in me si ripetono,
regalandomi l’eleganza di una danza, 
di cui lo stile dimora indefinito.


Breve commento del poeta:
Sono molto affezionata a questa poesia, la scrissi un po' di tempo fa, in seguito al trasferimento in una zona di montagna. Ne soffrii tantissimo e in questa poesia riposi tutto l'amore che nutrivo e nutro per il mare, quasi a volermi scusare con lui per averlo abbandonato...





condividi il post su

domenica 12 aprile 2015

Il calore e la paura di Anna Bonarrigo


Dipinto di Alfonso Restivo


 Chi sei?

forse ti chiami destino?
sei la luce che s'infiltra nelle mie lenzuola
la giovinezza ridesta ogni mattino
la follia che ho seppellito,
Sei l'alchimia che non si consuma
quel calore che mi sveste,
la paura che mi copre.
Taci !
lascia che il silenzio sia peccato,
mi lascerò cadere nelle tue braccia,
berrò la tua dolcezza
mescendo la mia passione.
Sono ghiaccio rovente
sulla tua schiena nuda
e onde improvvise nelle tue sere solitarie.
Chiamarmi perdizione
e non dirmi mai il tuo nome.

Nel suo genere, che è quello erotico, questa lirica è un congegno perfetto, un sogno inebriante è solipsistico, dove la poetessa identifica l'amato con il suo ideale d'amore e lo esalta attribuendogli le qualità gloriosa dell'onnipotenza:la luce, la giovinezza, l'immortalità("Sei l'alchimia che non si consuma") e infine la forza che scalda e distrugge. Divisa in due strofe, entrambe imperiose, la prima aperta da due interrogazioni rese retoriche dalle immediate risposte e la seconda imperativa e propositiva, auspica e prospetta l'archetipo del maschio guerriero e predatorio, dominante e tutorale. Il nono verso è un piccolo gioiello di misteriosa sensualità :"Lascia che il silenzio sia peccato", e il lungo verso conclusivo, enfatico e struggente, invoca l'assenza di ogni identità ("Chiamami perdizione e non dirmi mai il tuo nome") a tutela dell'integrità dei sensi. (Luciano Domenighini)


video


condividi il post su

lunedì 6 aprile 2015

HO DIPINTO LA PACE di T. Sorek

Buongiorno a tutti gli Amici di questa 'OASI DI PACE'




Ho Dipinto la Pace

Avevo una scatola di colori
brillanti, decisi, vivi.
Avevo una scatola di colori,
alcuni caldi, altri molto freddi.
Non avevo il rosso
per il sangue dei feriti.
Non avevo il nero
per il pianto degli orfani.
Non avevo il bianco
per le mani e il volto dei morti.
Non avevo il giallo
per la sabbia ardente,
ma avevo l'arancio
per la gioia della vita,
e il verde per i germogli e i nidi,
e il celeste dei chiari cieli splendenti,
e il rosa per i sogni e il riposo.
Mi sono seduta e ho dipinto la pace.


Ieri mattina Massimo ha pubblicato un bellissimo post con una poesia di Gabriele D'Annunzio intitolata 'Resurrezione'(clicca per leggerla), i primi versi erano:

'Suono di campane
voce che trasvola il mondo...'

Ecco, il mio più grande desiderio sarebbe che questa voce arrivasse al cuore di tutta le gente del mondo (soprattutto a quello dei potenti) e li incoraggiasse ad una resurrezione di pace.

Laddove non c'è Pace non c'è Resurrezione e, aldilà di ogni retorica, solo il dialogo può far risorgere tutti in un mondo migliore.


Ringrazio di cuore Rosalba Falzone e invito tutti a cliccare sul il link posto sotto il quadro per vederlo intero. 





condividi il post su

domenica 5 aprile 2015

RISURREZIONE - Gabriele D'Annunzio



La Resurrezione di Cristo è un dipinto a olio su tavola (52x44 cm) di Raffaello Sanzio, databile al 1501-1502 circa e conservato nel Museo d'Arte di San Paolo, in Brasile.


Suono di campane,
voce che trasvola sul mondo,
canto che piove dal cielo sulla terra,
nella città sorda e irrequieta,
e nel silenzio dei colli
ove, nel pallore argenteo,
le bacche d'olivo maturano il dono di pace.
Suono che viene a te,
quale alleluia pasquale,
a offrirti la gioia di ogni primavera,
a chiamarti alla rinascita;
a dirti che la terra rifiorisce
se il tuo cuore si aprirà come un boccio,
che ripete un gesto d'amore e di speranza,
levando il mite ramoscello
in questa chiara alba di Risurrezione!



Il grande Gabriele D’ Annunzio, nella sua poesia “Gioia della Resurrezione” vuole spiegarci che il giorno di Pasqua è un giorno importante e felice per i cristiani. Il dolce e allegro suono delle campane arriva ovunque: nelle città frenetiche e piene di problemi e di rumori e nelle tranquille campagne. Questo suono arriva a noi per farci rinascere dal peccato, per farci offrire e accogliere gesti di amore, di speranza e di pace. 




condividi il post su

domenica 29 marzo 2015

Surya di Giusy Grasso


                                                Campo di grano al sole - Vincent Van Gogh-1890



In questo tempo che ignora se stesso,
sono polvere di gemma
celata tra la sabbia
di una clessidra in frantumi;
non ho più confini 
eppure sono a casa... 


Commento a cura dell'autore:


La chiave di lettura di questa lirica, si potrebbe riassumere nel verso “Non ho più confini, eppure sono a casa…” e rappresenta una parentesi della mia vita, segnata da una serie di circostanze sfavorevoli che, pur destabilizzandomi mi hanno fortificata; inversamente proporzionale, la grande creatività che ne è scaturita. Si può dire che l’amore per la poesia, mi abbia letteralmente restituita alla vita. Perché Surya? Surya è il nome sanscrito del sole. Tutto viene abbracciato dal sole e il sole ama incondizionatamente. Penso sia un messaggio positivo, un invito all’incontro e alla condivisione, mettendo da parte ogni forma di giudizio. (G. Grasso)






condividi il post su

giovedì 26 marzo 2015

Anima nel vento di Guido Passini



'Non mi arrendo indosso nuove ali e ricomincio a volare' 
Guido Passini






Praterie verdi di speranze
ammiccanti l’ego
d’agreste sentire
cullante vita.

Vespri purpurei
s’intingono d’emozioni
di cuore pulsante
dominando sguardi.

Volta celeste
avvolge anima 
librante nel vento
di bianco adorna
sfuggendo a sentori bui.

Tinte sgargianti
racchiudono baricentro
di logora esistenza
rendendole giustizia.

Acque marine
respiro insaziabile
gustando
saline di me arrese.

Opalini cristalli
scendono
depurando sorrisi
defraudati dall’odio.

Di colori ne son pieno
io sono la natura…

Oggi, da questa piccola oasi, dove anche tu sei passato tante volte con la leggerezza che ti contraddistingueva, vogliamo regalarti un saluto, caro Guido, Uomo e Poeta straordinario. 

Nessun commento potrà mai renderti il giusto omaggio ma la tua umanità e la tua sensibilità rimarrà sempre nei nostri cuori.

Che la luce ti accompagni caro Guido. ros e massimo



condividi il post su

Disclaimer

A questo blog non può essere applicato l'art. 5 della legge 8 Febbraio 1948 n. 47, poiché l'aggiornamento delle notizie in esso contenute non ha periodicità regolare (art. 1 comma 3, legge 7 Marzo 2001 n. 62). Esso é un prodotto amatoriale e non rappresenta una testata giornalistica , i post editi hanno lo scopo di stimolare la discussione e l’approfondimento politico, la critica e la libertà di espressione del pensiero, nei modi e nei termini consentiti dalla legislazione vigente. Tutto il materiale pubblicato su Internet è di dominio pubblico. Tuttavia, se qualcuno riconoscesse proprio materiale con copyright e non volesse vederlo pubblicato su questo blog, non ha che da darne avviso al gestore e sarà immediatamente eliminato. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi a me, nemmeno se gli stessi vengono espressi in forma anonima o criptata.